Matrimonio in Italia con ragazza dell'Est. Sposare donna ucraina.
Cerca ragazza

Nonostante sulla rete ci sono tantissimi informazioni sul argomento: come sposare cittadina russa o ucraina, riceviamo molte richieste di informazioni riguardanti i documenti che servono per matrimonio con una ragazza russa, bielorussa o ucraina. Così abbiamo pensato di scrivere questa news per spiegare tutta la procedura che bisogna adottare per sposare una donna dell'est in Italia. Spero che questo articolo sarà d'aiuto anche a tutte le nostre coppie che sono i prossimi al matrimonio.

La sposa deve rivolgersi al consolato di appartenenza in Italia per ottenere un documento comprovante l’assenza di impedimenti al matrimonio (tale documento si chiama in italiano “Nulla Osta al matrimonio”. Per ottenere il Nulla Osta presso il Consolato bisogna presentare i seguenti documenti:

  • Modulo di richiesta di nulla osta per il matrimonio compilato di persona (reperibile in ufficio consolare o on-line)
  • passaporto per viaggiare all'estero in originale  + la fotocopia;
  • passaporto interno;
  • atto di nascita legalizzato e apostilato;
  • Certificato di stato libero in originale, rilasciato presso l’ufficio di stato civile della città o del villaggio in cui è registrato il domicilio della persona interessata. Il certificato va debitamente apostillato presso il Ministero della Giustizia;
  • atto di scioglimento del matrimonio (in caso di matrimonio precedente) o atto di morte del coniuge (in caso di morte del coniuge precedente);
  • carta d’identita del marito futuro, cittadino italiano;

Per essere presentati all’Ufficio consolare i documenti sopramenzionati non necessitano della traduzione in italiano. In ogni caso ci sono piccole differenze tra consolati di Ucraina, Russia e Bielorussia. Ad esempio in Consolato Bielorusso i documenti possano essere spedite anche per la posta.

In seguito i link per le procedure:

Il Nulla Osta ottenuto, insieme alla marca da bollo di 16 euro, va presentato in prefettura di residenza per apporvi l'appostile comprovante l’autenticità della firma del funzionario consolare e del timbro del consolato. Le tempistiche di tale legalizzazione sono di 2-3 giorni lavorativi.

Oltre al Nulla Osta, al comune di residenza si devono presentare i seguenti documenti:

  • passaporti di entrambi i coniugi;
  • Nulla Osta;
  • atto di nascita con apostille, traduzione svolta da un traduttore accreditato e autenticata dal Consolato.
  • atto di scioglimento del matrimonio (in caso di matrimonio precedente) o atto di morte del coniuge (in caso di morte del coniuge precedente) con apostille, traduzione svolta da un traduttore accreditato e autenticata dal Consolato.

L’ufficio italiano per la registrazione degli atti civili pubblica i nomi dei futuri sposi e il luogo di celebrazione del matrimonio sul proprio sito e presso lo stand in comune.
Otto giorni dopo la pubblicazione e tre giorni dalla data indicata nella pubblicazione (questo periodo viene dato perché le persone interessate possano dichiarare le ragioni che ostano al matrimonio), la coppia ha 180 giorni per registrare il matrimonio.

La registrazione del matrimonio avviene in presenza di due testimoni: uno da parte della sposa, l’altro da parte dello sposo. Se uno della coppia non parla italiano, la presenza dell’interprete è obbligatoria.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna